pornodidattica

Consulenze Pornografiche Gratuite

Gianni 22/09/2011

Filed under: Uncategorized — fracatz @ 06:54
Tags: ,

Finite le elementari, abbandonato dal padre, con le sue sorelle e fratelli, scese in campo, lui come cascherino nel bar d'angolo. Consegnava caffè, cornetti e cappuccini guadagnando più in mance che di paga ufficiale. Gli anni passano ed a 20 anni Gianni riuscì a prendere in gestione dal vecchio titolare quel bar d'angolo, aumentando le sue ore di lavoro da mattina a sera per pagare la gestione, l'affitto delle mura e la cassiera che lo aiutava per otto ore al giorno. Morto il vecchio titolare, Gianni si comprò il diploma in ottemperanza alla vigente legislazione tajana per poter rilevare la licenza, poi assunse due banchisti e lui si spostò alla cassa. Questa volta si sposò, acquistò una bifamiliare in zona, rimodernò il locale dopo aver passato il contratto di affitto delle mura a suo nome, comprando anche un patentino per tabacchi e la concessione per il lotto e tutti gli altri giochetti di legge. Adesso il Gianni arrivato ai 50 anni gira in suv per non sfigurare, chiude alle nove di sera e tutte le altre feste comandate. Non ho mai visto uno dei suoi figli ad aiutarlo, solo la moglie ogni tanto alla cassa.
Il suo pensiero politico credo rispecchi quello degli attuali caporioni, non perchè è convinto che in caso di violenza come a Londra o Parigi je proteggeranno er bar con le ronde, ma solo perchè lui non ha mai capito gli intellettuali, anzi non si spiega proprio come possa esserci gente che si chiude nel bagno in compagnia di un libro, piuttosto che del corriere dello sport.

 

Sesquicentenario 07/01/2011

Filed under: Uncategorized — fracatz @ 07:00
Tags: ,

Eh sì, come passa veloce il tempo, me pare ieri che co peppino percorrevamo avanti e indietro la nostra amata terra infiammando gli animi e facenno cose per poi vedere se fosse tanto difficile morire e finire la corsa con una bella stretta de mano, proprio lì, a teano.E l'anno dopo con zicchicchi, bechenbauer, la spigolatrice e nino scappavamo dall'aspromonte, maledetti piemontesi e con quella palla nel malleolo.
Ma levalo si te fa male sto malleolo.
Per fortuna che da lì a poco ce saremmo riposati da lei, nella sua bella casa di spigolatrice, generosa ospite ristoratrice delle nostre membra.
Chissà che belle spigole ci preparerà, fà il bechy, speranzoso rivoluzionario e oriundo de rinforzo alla nostra santa causa. Peppino ha ancora grandi pensieri, col brando in mano:
nino, ricorda che l'itaja è fatta e oramai ci rimane da fare solo lei la spigolatrice. Mentre io valuto quello che può aver risparmiato di ICI sulla sua bella casa la nostra ospite, grazie alla discesa in campo di LUI e ribatto al bechy: spighe, si trattava solo di spighe. Eh sì questo passar degli anni poco ci tange, qualche capello bianco in più ma un cuor sempre bambino e come ogni cretino pronto a buttarsi al di là dell'ostacolo purchè la causa sia giusta, cosa assai difficile oggigiorno.

 

Favole moderne 18/10/2010

Filed under: Uncategorized — fracatz @ 09:20
Tags: , ,

– Ma che zampette lunghe che hai, zietto bello
– per rincorrerti meglio piccina mia
– Che bocca grande che hai
– per mordicchiarti meglio
– Che manone grosse da contadino
– per strozzarti meglio
… strozz-strozz-strozz-strozz-ahaaargh…
Mentre tutti i narratori di fiabe si erano riconvertiti a questa dura ed odierna realtà per una migliore didattica verso i pargoli, una nuova versione si delineava all'orizzonte, a detta di molti comunicatori o ben pagati anchorman, molto più romantica, umana ed ancor più didattica della precedente. Per non parlare poi delle menti immaginifiche dei vari addetti alla elargizione della giustizia terrena, da secoli capaci di rappresentazioni degne delle migliori sceneggiature.
La favola moderna deve adattarsi a finali diversi dimodochè tutte le classi sociali ne possano far uso per la sana crescita dei pargoli e quindi non biasimeremmo neanche il finale un po' carnerutti_ano che portò alla assoluzione dei coniugi egiziani Youssef e Claire Belawi in prima istanza perchè accusandosi a vicenda non fecero capire chi fosse l'assassino.
Molti i criminologi poco lombrosiani, che pronunciatisi prematuramente, dovranno ora rivedere le loro analisi, ma non le parcelle.

 

Ammore nel XXI secolo 25/02/2010

Filed under: Uncategorized — fracatz @ 09:09
Tags: ,

Nello scenario usuale giovanile le ragazze hanno raggiunto la totale parità con i ragazzi, arrotolano paglie, fumano di più, bevono assai, scopicchiano, frequentano luoghi malsani e fanno di tutto per essere trattate alla pari dimenticandosi completamente di quel loro organo che ogni tanto manda segnali al cervello. Ditemi voi, superata l’adolescenza del facile innamoramento, quale ragione possa spingere un uomo a farsi carico di un essere del tutto simile a lui, ma con l’aggiunta di tutte quelle paranoie uterine legate proprio alla fisiologia femminile. Oppure perchè una donna femmina debba rovinarsi la vita dietro un debosciato magari drogato o  che ancora gioca con la play statio con gli amici o si allena e gioca a calcio a 40 anni, o sperpera lo stipendio in cazzate tutte tese a glorificare il suo ego immaginifico, in parole povere un ex bamboccione fijo de’ mignotta ed egocentrico?  
Così, mentre aumentano le persone dedite al volontariato, nella coppia si preferisce l’adozione a distanza.
Ecco allora che, non avendo trovato l’amore nell’entusiasmo giovanile, si superano facilmente i 30 anni tra una festa e una vacanza una bevuta, una fumatina ed una scopatina e magari l’istinto di maternità comincia a sconvolgere l’esistenza.
A questo punto non disperate, non andate a cercare il compagno nel solito ambiente in cui vi muovete, ma guardatevi attorno, ci sono uomini portati proprio per far da padri, favoriti anche dalla loro situazione economica e puntate su di loro. Puntate sul grande padre, io ho un conoscente che ha fatto due figli con la prima moglie, due con la seconda ed ora che sta con la terza credo che si ripeterà.
Cambiate abitudini, meno rock e più liscio, più fiere di paese, balli in piazza, ma se proprio non volete sacrificarvi o sottomettervi alla monotona vita di coppia, allora se avete la fortuna di avere avuto per genitore un ragazzo padre, parlatene con lui, cercate di convincerlo a trasformarsi da ragazzo padre a ragazzo nonno e solo quando siete certe del suo aiuto e disponibilità, puntate un ragazzo qualsiasi che abbia le sembianze fisiche che più gradite, occhi azzurri? altezza? bicipiti? intelligenza? Strizzategli l’occhiolino e lasciatevi andare, magari durante una vacanza in una bella spiaggia lontana. Ma chi ve lo fa fa de mettevve in casa un estraneo, al limite adottatelo a distanza. Il bobbolo non è indulgente verso le trasgressioni dei poveri, ma con l’ammore paterno ve garantisco che se po fa.
D’altronde non stiamo mica scoprendo l’acqua calda, chissà quante creature e quanta gioia abbiamo distribuito noi in gioventù alle vichinghe, nei campeggi giovanili di Rimini, Cattolica, Gabicce etc

 

I recuperanti 13/10/2009

Filed under: importato — fracatz @ 22:19
Tags: , , ,

Normal
0
14

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;}

Ho letto su un giornale che qui a Roma ci sono 250 mila alloggi non occupati e, come ben si sa, nuove licenze edilizie sono rilasciate solo a pochi eletti: non si può mica cementificare tutto il territorio.

Anche la regione, per venir incontro ai lavoratori, recependo il volere del cavaliere, ha subito posto il limite dei 1000 metri cubi e così consente l’ampliamento del 20% solo ai proprietari di ville mono o
al massimo bi-familiari.

Cercando casa per un quasi vip in arrivo, ho visitato centinaia di alloggi, tanto che il numero di 250 mila mi è diventato molto realistico e questi alloggi avevano tutti la luce elettrica ben funzionante.

Dovete sapere che qui a Roma, per disdire la tassa sulla spazzatura, si deve prima far distaccare la corrente elettrica e quindi tutti questi alloggi stanno pagando sia l’ICI maggiorata per casa vuota, sia la tassa di nettezza urbana.

Ma sarà proprio così ?

Per questo, visto la carenza di lavoro sollecito i governanti ad emettere un decreto legge che obblighi i comuni a pubblicare i dati relativi ad ICI e nettezza urbana ordinati per Via, Numero civico e Numero di appartamento ed obblighi gli stessi a ricompensare con il 20% della cifra recuperata i cittadini che segnalino discordanze o anomalie.

Qui a Roma con questa attività, migliaia di famiglie potrebbero superare questo periodo di crisi e quanto a me, mi accontenterei solo della citazione: Decreto Fracatz.

 

Il nuovo che avanza 11/10/2009

Filed under: importato — fracatz @ 17:09
Tags: , , ,

Normal
0
14

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;}


25 + 21 = 45+1

Un noto giovine, ben favorito dalla sorte e quindi con disposizione di adeguata tutela  legale, potrebbe querelarvi qualora usaste impropriamente il numero composto da quattro decine e poche unità che lui saggiamente ha brevettato e coperto da copyright

 

                                                         25 +

                                             21 =

                                        ————-

                                            45 + 1

Grazie anche al fatto che la legge del valoroso bobbolo tajano, qualora la giustizia riconoscesse insussistente la querela, non prevede per il querelante a vuoto l’obbligo di risarcire il chiamato in causa con la stessa cifra da lui pretesa od almeno ascrivergli tutti i costi provocati e gentilmente forniti dai contribuenti.

Che delusione per Noi che ponevamo tanta fiducia nei giovani e nelle loro idee     

 

Barriere 02/10/2009

Filed under: Uncategorized — fracatz @ 21:47
Tags: ,

Finalmente oggi si è superata un’altra barriera di divisione tra i due sessi: beviamoci su un goccettin, così, tanto per festeggiare.
Grande conquista del gentil? sesso: statisticamente la polizia ha verificato lo stesso numero di guidatori mbriachi sia tra le fimmine che tra i masculi.
Resiste ancora l’ultima barriera: l’istinto di maternità e poi potete tranquillamente andare a farvi fottere su questa valle di lagrime.
Non solo le istituzioni, ma anche il padre bianco nelle sue esternazioni, tralasciano di specificare che certi comportamenti non sono consoni ai morti di fame, ma dovrebbero tornare elitari o solo per vip e barboni, così come lo erano fino a qualche anno fà.