pornodidattica

Consulenze Pornografiche Gratuite

Incomincipit 18/07/2009

Filed under: Uncategorized — fracatz @ 23:22
Tags: ,

Normal
0
14

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;}

Entrai con fare guardingo in quel baretto un po’ malandato, proprio li’ di fronte al porto in cui tante volte ero approdato nel periodo in cui ero imbarcato su quel vecchio cargo battente bandiera venezuelana, ma in realtà di proprietà di alcuni colombiani amici del vecchio e caro Faina.

Si’ proprio lui, er Faina: darei un occhio per poterlo rivedere almeno una volta, ma come faccio a presentarmi nel penitenziario senza il rischio di essere riconosciuto? Mi tengo il mio occhio, anche se a malincuore. 

Normal
0
14

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;}

Nel baretto la solita puzza di stantivo, che almeno, una volta, era coperta dal tanfo di segatura e  birra che rigogliosa scorreva sul pavimento testimone delle nostre innumerevoli libagioni, fatte così, tanto per dimenticare. I soliti sopiti afrori che di colpo mi riportarono alla mente una delle tante avventure a lieto fine vissute cor Faina.

Assorto nei ricordi, riesco a malapena ad ordinare un caffè doppio a sollievo della notte passata tutta a pedinare un tizio, da cui mi aspetto un certo ritorno di varsente entro l’anno.

Gusto lentamente la miscela e finitola, appoggio lievemente la solita mezza paglia tra le labbra, cercando con gli occhi chi potesse accendermela…

Normal
0
14

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;}

Nel mentre fa il suo ingresso guardingo nel bar un tizio dal cappello carcato sulla testa, con gli stessi capelli der Faina, lo sguardo del Faina, il naso aquilino der Faina: cazzo sti delinquenti nun fanno in tempo ad esse ‘ngabbiati che già te li rispediscono fori pe mancanza de fondi, dicono, ed io niente niente ce dovrei da rimette un occhio pe corpa de sto stato micragnoso ?

Alla chetichella sfilo davanti alla cassiera, pago, quando il mio occhio appena salvato cade sul cartello alle sue spalle: ricariche.

Era quello che cercavo, prendo un biglietto da 10 euri e le faccio: che me la fai na bella ricarica?

Lei annuì con la testa.

Finalmente riuscii a sgattaiolare fuori da quell’amato locale pienamente soddisfatto, anche se solo parzialmente ricaricato, per affrontare quello che da lì a poco stava per capitarmi……………

 

 

One Response to “Incomincipit”

  1. mircomirco Says:

    La mezza paglia… come si secca presto l’erba

    buon tutto!


I commenti sono chiusi.